Home » Ukraine Russia, the latest news today February 14th on Putin’s war. LIVE

Ukraine Russia, the latest news today February 14th on Putin’s war. LIVE

by admin
Ukraine Russia, the latest news today February 14th on Putin’s war.  LIVE

The General Staff of the Ukrainian Armed Forces claimed responsibility for the destruction of the landing ship of the Russian Black Sea Fleet “Caesar Kunikov” overnight. “The Armed Forces of Ukraine, together with units of the Main Intelligence Directorate of the Ministry of Defense, destroyed the large landing ship of the invaders, Caesar Kunikov,n, the General Staff said on Facebook.n

Three people, including a child, were killed and 12 were injured last night in a shelling by Russian forces on Selydove, in the Donetsk region of eastern Ukraine, the city’s city council announced on Facebook. as reported by Ukrinform. Among the injured, the source specified, there are also four children. Nine apartment buildings and some buildings of the city’s central hospital were damaged in the attack.

n

US House Speaker Mike Johnson announced in a post on Twitter that Republicans will not vote on the Ukraine bill as it was presented in the Senate.

nnn

Insights:

nn

To receive Sky TG24 news:

nnThe newsletter on the most read news (click here)nThe Sky TG24 Whatsapp channel (Click here)n Audio news with news headlines (click here)n”,”postId”:”ec605a8e-e4c2-40e0-8bea-79d0ccf9f37a”}],”posts”:[{“timestamp”:”2024-02-14T18:59:11.084Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T19:59:11+0100″,”altBackground”:false,”title”:”La comunità ucraina umbra contro “Il testimone” a Foligno”,”content”:”

“In concomitanza con il secondo anniversario dell’inizio della guerra, arriva a Foligno ‘Il testimone’, il film di propaganda russo sul conflitto in Ucraina. È inaccettabile, perché gode anche del patrocinio del Comune”: a denunciarlo con l’ANSA è la comunità che vive a Foligno e in Umbria del Paese invaso dalla Russia.   Il lungometraggio sarà proiettato il prossimo 25 febbraio, alle 16.30, nella sala rossa di Palazzo Trinci. “È incredibile che si consenta alla propaganda di Putin di entrare nei palazzi comunali delle città e con tanto di supporto istituzionale”, aggiungono i cittadini ucraini che promettono già una manifestazione di dissenso nel giorno della proiezione. “Il Comune vogliamo credere che abbia preso un abbaglio – aggiungono – adesso  prenda immediatamente le distanze dall’evento come è già accaduto in altre città, dove la proiezione è stata cancellata, come ad esempio a Firenze e Bologna”.   Il sindaco Stefano Zuccarini, raggiunto sempre dall’ANSA,  conferma il patrocinio.

“,”postId”:”d9349e74-6804-412b-895d-80ca482af66d”},{“timestamp”:”2024-02-14T18:49:06.825Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T19:49:06+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Usa: fonti Cnn: “Minaccia collegata a capacità militari russe destabilizzanti””,”content”:”

Nel rispondere alle domande dei giornalisti, Sullivan non ha voluto fornire specificazioni sulla natura di questa minaccia. “Non sono nella posizioni di dire altro da questo podio in questo momento”, ha detto durante il briefing, ripetendo che intende illustrare la situazione nel briefing di domani. Sullivan ha poi sottolineato che l’amministrazione “nell’affrontare la questione della declassificazione di intelligence nell’interesse nazionale si è spinta oltre, in modo creativo e strategico, di qualsiasi amministrazione della storia americana”. “Così non troverete mancanza di disponibilità a farlo – ha aggiunto riferendosi alla declassificazione di documenti – quando è nell’interesse nazionale farlo”. 

“,”postId”:”2debe79a-35f5-43b2-8f5c-5a927a07b898″},{“timestamp”:”2024-02-14T18:45:00.604Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T19:45:00+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Putin firma legge che prevede la confisca dei beni a chi critica la guerra”,”content”:”

Il nuovo decreto è stato firmato all’unanimità dalla Duma dello Stato il 31 gennaio. Saranno confiscati beni e proprietà acquisiti illecitamente o utilizzati per “agire contro il Paese”. LEGGI L’ARTICOLO

“,”postId”:”c0dad9af-7a24-45e0-b801-4604bd890e5e”},{“timestamp”:”2024-02-14T18:00:00.655Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T19:00:00+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Quaresima, il messaggio del Papa: “Non dimentichiamo mai Ucraina, Palestina e Israele””,”content”:”

“Di fronte a tante guerre, non chiudiamo il nostro cuore a chi ha bisogno” ha detto il Pontefice durante l’udienza generale. Al termine della sua catechesi, dedicata all’accidia, l’omaggio al cardinale albanese monsignor Ernest Simoni, “martire” di oggi che ha passato anni in carcere, sotto il regime comunista. LEGGI L’ARTICOLO

“,”postId”:”52b90262-6632-4342-b8f8-59f36748c776″},{“timestamp”:”2024-02-14T17:30:36.675Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T18:30:36+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Usa, le truppe di Kiev stanno esaurendo le munizioni “,”content”:”

“I costi dell’inazione” sul disegno di legge con gli aiuti per l’Ucraina “stanno diventando più alti”: lo ha detto il consigliere per la Sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan, riferendo che le truppe ucraine “stanno razionando o esaurendo le munizioni” e ammonendo che “i nostri avversari stanno osservando da vicino” la situazione. 

“,”postId”:”fea9a6ad-2a5e-4a50-bc7c-4ffaf2e416e5″},{“timestamp”:”2024-02-14T16:53:59.677Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T17:53:59+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Kiev, ‘maggior parte marinai nave affondata sono morti'”,”content”:”

La maggior parte dei membri dell’equipaggio della nave russa Caesar Kunivov sarebbero morti. Lo riferisce l’intelligence militare ucraina, dopo aver rivendicato oggi l’affondamento della nave a largo della Crimea occupata.  

n

“Tutto è andato secondo i piani… La nave nemica è stata distrutta e non può essere riparata. C’erano anche munizioni a bordo”, ha dichiarato Andrii Yusov, rappresentante dell’intelligence militare, citato da Ukrainska pravda. “La maggior parte dei membri dell’equipaggio della nave da sbarco non sono riusciti a sopravvivere, ha aggiunto, senza precisare ulteriormente. Secondo dati riportati dal Guardian, a bordo vi sarebbero stati 87 marinai. 

“,”postId”:”7a65b7a4-5bba-419d-887d-bd1e3359eaf8″},{“timestamp”:”2024-02-14T16:49:53.450Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T17:49:53+0100″,”video”:{“videoId”:”900992″,”videoPageUrl”:” due ospedali colpiti in 24 ore, Msf evacua feriti in ambulanza”,”content”:”

In Ucraina, vicino alla linea del fronte, due ospedali sono stati attaccati dalle forze armate russe nelle ultime 24 ore. Lo denuncia una nota di Medici Senza Frontiere (Msf). Un ospedale di Selydove è stato colpito intorno alla mezzanotte, uccidendo tre persone e ferendone sei. I team di Msf hanno trasferito in ambulanza dieci pazienti in luoghi più sicuri, in tre erano ricoverati in terapia intensiva.

n

A Kherson, alcuni bombardamenti sull’ospedale della città hanno danneggiato la clinica ambulatoriale e il team chirurgico di Msf ha dovuto rifugiarsi nel bunker.

n

“Questi ospedali sono vicini alla linea del fronte, dove l’accesso alle cure mediche è essenziale. Condanniamo con forza i continui attacchi agli ospedali. I pazienti, il personale medico e le strutture sanitarie devono essere protetti”, dichiara Christopher Stokes, capomissione di Msf in Ucraina.

“,”postId”:”9681fdcf-81e8-475d-a94b-953349cf2b24″},{“timestamp”:”2024-02-14T16:39:48.899Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T17:39:48+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Austin, ‘Usa appoggiano Kiev contro aggressione imperialista Putin'”,”content”:”

Gli Stati Uniti “sono a fianco dell’Ucraina” e l’appoggiano contro “l’aggressione imperialista di Putin”. Lo ha detto il ministro della Difesa americano Lloyd Austin intervenendo in video collegamento alla riunione a Bruxelles del Gruppo di Contatto per la difesa dell’Ucraina, la coalizione di 50 paesi che appoggia militarmente Kiev, nota anche come gruppo Ramstein. 

n

“Il Cremlino ha scommesso sul fatto che avremmo perso interesse per l’Ucraina.. ma io sono più determinato che mai, e so che lo siete anche voi… l’America continuerà a sostenere l’Ucraina contro l’aggressione imperialista di Putin. Il Cremlino sta affondando nell’isolamento che si è inflitto da solo, ma questa coalizione  di 50 paesi di tutto il mondo è qui per rimboccarsi le maniche e mettersi a lavoro”, ha detto il capo del Pentagono. “L’esito della lotta dell’Ucraina contro l’aggressione russa contribuirà a definire la sicurezza mondiale per decenni”, ha avvertito Austin, convinto che il sostegno a Kiev sia “nell’interesse della sicurezza nazionale” dei paesi del gruppo Ramstein. 

n

Austin è intervenuto con parole decise mentre il pacchetto di aiuti americani per 60 miliardi di dollari destinato all’Ucraina è stato approvato in Senato ma affronta un difficile percorso alla Camera. A spingere i repubblicani ad affossare il pacchetto è l’ex presidente Donald Trump. In corsa per tornare alla Casa Bianca, Trump ha sollevato molte polemiche anche per aver affermato che direbbe a Putin di attaccare quei paesi deal Nato che non investono abbastanza nella difesa. 

“,”postId”:”629e8f3b-46c7-4931-b22d-8a5eb57ef89f”},{“timestamp”:”2024-02-14T16:30:42.170Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T17:30:42+0100″,”video”:{“videoId”:”900402″,”videoPageUrl”:” Medio Oriente e difesa priorità del vertice Ue di marzo “,”content”:”

Ucraina, Medio Oriente e la nuova strategia europea sulla difesa e la sicurezza saranno i temi principali, salvi ulteriori cambi dell’agenda, del Consiglio europeo previsto per la terza settimana di marzo. E’ quanto emerge a margine della riunione dei Rappresentanti Permanenti dei Paesi Ue che hanno cominciato la preparazione del vertice dei 27. Alla riunione, prevista il 21 e 22 marzo, i leader potrebbero approvare delle nuove conclusioni sulla questione mediorientale. A Bruxelles c’è la consapevolezza che non sarà facile ma, allo stesso tempo, sta emergendo la necessità di un aggiornamento della posizione dell’Ue sulla guerra tra Israele e Hamas. Al Consiglio europeo di marzo ne seguirà un altro, informale e organizzato dalla presidenza belga, nella metà di aprile. E, in quell’occasione, si attende che i principali temi sul tavolo siano il mercato unico e la competitività. 

“,”postId”:”45a7c34f-20a1-48a8-806c-3c6c939a7c22″},{“timestamp”:”2024-02-14T13:59:38.460Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T14:59:38+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Kiev: “Missili russi colpiscono il Donetsk, morte 2 donne””,”content”:”

Missili balistici russi hanno colpito Mykolaivka, nella regione orientale di Donetsk, provocando la morte di due donne, ha riferito il governatore Vadym Filashkin. “La città è stata colpita dal fuoco intorno alle 2 del pomeriggio: nella zona attaccata si trovava un edificio residenziale”. Le due donne rimaste uccise avevano 62 e 74 anni. 

See also  Union fails again with “Taurus” proposal in Bundestag

“,”postId”:”b2cb1b25-073a-46ea-91c5-fb936cdb8722″},{“timestamp”:”2024-02-14T13:15:23.973Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T14:15:23+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Kiev: morti i marinai della nave russa Cesar Kunikov”,”content”:”

“La maggior parte dei membri dell’equipaggio della nave da sbarco russa Cesar Kunikov, affondata questa mattina nella regione ucraina di Alupka, è morta”. Lo ha affermato in un commento a Nv Andry Yusov, portavoce del ministero della Difesa ucraino, specificando: “Non ci sono ancora dati precisi, ma secondo le informazioni disponibili, la maggior parte dell’equipaggio è morta”, ha detto. L’equipaggio completo della Kunikov è composto da 87 marinai, ma non si conosce il numero dei militari che erano a bordo. Secondo Yusov, la nave è affondata e non può essere riparata, a bordo c’era un carico di munizioni

“,”postId”:”61017b80-5ff7-443c-a827-7a65459e98ac”},{“timestamp”:”2024-02-14T12:20:23.278Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T13:20:23+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Intelligence Gb: missile Zirkon sfida significativa per contraerea Kiev'”,”content”:”

Se confermato, l’uso di un missile ipersonico Zirkon da parte russa rappresenterebbe “una sfida significativa per la contraerea ucraina a causa della sua velocità e manovrabilità”. Lo scrive il bollettino giornaliero dell’intelligence militare britannica, dopo che le analisi dell’Istituto di ricerca scientifica per gli esami forensi di Kiev hanno stabilito che il 7 febbraio Mosca ha lanciato sull’Ucraina un missile Zirkon 3M22.
n”Asseritamente capace di viaggiare ad una velocità Mach 9 con una gittata di mille km, lo Zirkon era stato inizialmente sviluppato per la marina. L’assenza di navi che portano missili nel mar Nero solleva domande sul metodo di lancio – nota il bollettino – E’ probabile che il sistema costiero russo di difesa K-300 sia stato adattato a questo scopo. Se il suo uso fosse confermato, rappresenterebbe una significativa sfida alla contraerea ucraina a causa della sua velocità e manovrabilità”.
n”E’ probabile -conclude l’intelligence militare- che i russi stiano testando un nuovo di sistema d’arma operativo in un contesto di guerra per far mostra di sicurezza e dimostrare le proprie capacità”.

“,”postId”:”793676ae-8108-475b-9466-97f1b2328c7d”},{“timestamp”:”2024-02-14T11:55:37.753Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T12:55:37+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Kiev: i russi hanno ammassato 50mila soldati ad Avdiivka”,”content”:”

L’esercito russo ha ammassato circa 50.000 soldati nell’area di Avdiivka, nell’est dell’Ucraina: lo ha dichiarato in tv Dmytro Lykhoviy, portavoce delle truppe Tavria, rispondendo in relazione alla minaccia che una presenza russa massiccia porti al taglio delle vie di rifornimento per le truppe di Kiev. Lo riporta Ukrinform. “Se il nemico dovesse interrompere le vie di rifornimento logistico ad Avdiivka, il Comando delle forze di difesa ha previsto linee di rifornimento di riserva”, ha affermato Lykhoviy. “In un momento in cui la situazione sul campo di battaglia diventa difficilissima, la cosa principale è salvare le vite dei soldati e portarli in un’altra posizione, agire in modo flessibile, manovrare per salvare i soldati per i prossimi combattimenti, riconquistare il territorio che potrebbe essere stato perso. Per quanto riguarda Avdiivka, posso dire che gli eventi degli ultimi giorni, in particolare gli attacchi dell’artiglieria e dei razzi russi contro gli insediamenti del distretto di Pokrovsk della regione di Donetsk, a ovest di Avdiivka, dimostrano cosa può diventare ognuno di questi insediamenti e villaggi dopo che la linea del fronte si sposta”, ha spiegato il portavoce. “Al momento, la situazione in prima linea è dinamica e può cambiare letteralmente ogni ora. Le nostre truppe stanno facendo ogni sforzo per mantenere le loro posizioni. Nel caso in cui la linea logistica principale venga tagliata dal nemico, il nostro comando ha previsto delle vie di rifornimento di riserva”, ha dichiarato. Lykhoviy ha aggiunto che i combattimenti a Avdiivka sono in corso, il che sta causando un cambiamento nelle tattiche della difesa.

“,”postId”:”cec5b49c-e5d3-468a-8d7b-82ff930d9f4c”},{“timestamp”:”2024-02-14T10:40:45.196Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T11:40:45+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Stoltenberg: lavoro alleati per deterrenza nucleare sicura”,”content”:”

“Abbiamo una deterrenza nucleare Nato e cio’ ha permesso sicurezza e garanzie agli alleati per decenni. La disposizione che abbiamo nella Nato prevede procedure concordate sul  controllo delle risorse e facciamo esercitazioni insieme. Prevede la presenza delle armi nucleari statunitensi in Europa, ma tutti gli alleati danno sostegno e infrastrutture di sostegno per assicurare che questo deterrente nucleare sia operativo, funzionale, sicuro e credibile”.  Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nella conferenza stampa in vista della riunione ministeriale difesa di oggi e domani. “Questo deterrente nucleare funziona e continuiamo a lavorare perche’ sia sicuro e affidabile.  Abbiamo due alleati con armi nucleari, Regno Unito e Francia, e penso che questo sia il modo con cui gestiamo il deterrente nucleare della Nato e non dovremmo mai fare nulla per minarne la credibilita'”, ha aggiunto. 

“,”postId”:”242b279d-0762-444b-8bdd-efd20a788547″},{“timestamp”:”2024-02-14T10:33:00.203Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T11:33:00+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Kiev: “Anche donna incinta morta nell’attacco russo nel Donetsk””,”content”:”

C’è anche una donna incinta, oltre a un bambino, tra le vittime dell’attacco lanciato dalla Russia la notte scorsa sulla città di Selydove, nella regione di Donetsk dell’Ucraina orientale: lo ha reso noto su Telegram il ministro degli Interni ucraino, Igor Klymenko, aggiungendo che il reparto maternità di un ospedale colpito ha subito i danni principali. Lo riporta Ukrinform. Nell’attacco sono rimaste ferite 12 persone, tra cui quattro bambini. “Gli invasori hanno attaccato l’ospedale intorno all’una del mattino. L’attacco principale è stato nel reparto maternità. In totale, c’erano quasi 200 persone nell’ospedale. Decine di pazienti sono in gravi condizioni. Sono stati evacuati in altre strutture mediche della regione”, ha scritto il ministro. Klymenko ha precisato che le squadre di soccorso sono riuscite a salvare un bambino di sei mesi, mentre sei persone – tra cui un bambino – sono rimaste ferite. Dalle macerie sono stati rimossi i corpi di tre persone, tra cui un bambino di 9 anni e la donna incinta. E’ stato colpito anche un condominio di cinque piani, ha aggiunto il ministro, spiegando che l’ingresso del palazzo è stato distrutto: una persona rimasta intrappolata tra le macerie è stata tratta in salvo e sei sono rimaste ferite, tra cui un 17enne, un 13enne e un bambino di 8 anni.

“,”postId”:”3dc9cf0b-21bb-496d-af3a-3200ad1cdd8e”},{“timestamp”:”2024-02-14T10:25:00.506Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T11:25:00+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Cremlino: “Niente di nuovo nelle dichiarazioni di Trump sulla Nato””,”content”:”

Il Cremlino non vede “nessuna novità” nelle dichiarazioni con cui Donald Trump ha ricordato che, quando era presidente, aveva minacciato gli alleati della Nato di incoraggiare un attacco della Russia qualora non avessero contribuito alle spese dell’Alleanza. Lo ha detto il portavoce, Dmitry Peskov. “Francamente – ha affermato Peskov, citato dalagenzia Interfax – ricordiamo che quando era presidente degli Stati Uniti, questo è stato uno dei principali messaggi di Trump usati nelle sue relazioni con i membri dell’Alleanza. Ha parlato costantemente di questo, quindi non ci sono novità nel modo in cui affronta questo problema”. 

“,”postId”:”45b14fd2-a887-43d8-98c1-ff6b49a193e0″},{“timestamp”:”2024-02-14T10:24:00.720Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T11:24:00+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Media: “No degli Usa a proposta di tregua di Putin”. Mosca nega”,”content”:”

L’agenzia Reuters scrive sul proprio sito web che, secondo tre fonti russe ben informate, “una proposta del presidente russo Vladimir Putin di un cessate il fuoco” in Ucraina per “congelare la guerra” sarebbe stata “respinta dagli Stati Uniti dopo i contatti tra intermediari”. Il Cremlino nega che le cose stiano così. “Questo non è vero”, ha detto il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, secondo la Tass. Allo stesso tempo, sempre secondo la Reuters, “una fonte americana ha negato che ci siano stati contatti ufficiali e ha detto che Washington non si impegnerà in colloqui che non coinvolgano l’Ucraina”.   La Reuters scrive che, secondo le sue fonti russe, Putin avrebbe “inviato segnali a Washington nel 2023 in pubblico e in privato attraverso intermediari, compresi i partner arabi di Mosca in Medio Oriente e altri, che era pronto a prendere in considerazione un cessate il fuoco in Ucraina”. Sempre secondo le stesse fonti, “Putin proponeva di congelare il conflitto allo stato attuale e non era disposto a cedere alcun territorio ucraino controllato dalla Russia”. 

“,”postId”:”62271708-9ae2-47a1-8750-c8ae28a8b8bc”},{“timestamp”:”2024-02-14T10:16:17.935Z”,”timestampUtcIt”:”2024-02-14T11:16:17+0100″,”altBackground”:false,”title”:”Zelensky: “Ogni giorno della nostra lotta è una testimonianza della resistenza e della forza dei nostri guerrieri, che combattono per la vita dell’Ucraina e respingono gli attacchi nemici””,”social”:{“socialType”:”twitter”,”src”:”
query='{“live”:true,”configurationName”:”LIVEBLOG_CONTAINER_WIDGET”,”liveblogId”:”296ca053-5547-4d43-9696-06ec37ece1a2″,”tenant”:”tg24″,”page”:1,”limit”:20}’
>

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha rivendicato la distruzione nella notte della nave da sbarco della flotta russa del Mar Nero “Caesar Kunikov”. “Le Forze Armate dell’Ucraina, insieme ad unità della direzione principale dell’Intelligence del ministero della Difesa, hanno distrutto la grande nave da sbarco degli invasori, Caesar Kunikov”, ha affermato lo stato maggiore su Facebook.

See also  War Ukraine Russia. Explosions in Dnipro, Moscow appreciates Vatican's peace efforts. LIVE

Tre persone, tra cui un bambino, sono state uccise e 12 sono rimaste ferite la notte scorsa in un bombardamento delle forze russe su Selydove, nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale: lo ha reso noto il consiglio comunale della città su Facebook, come riporta Ukrinform. Tra i feriti, ha precisato la fonte, ci sono anche quattro bambini. Nell’attacco sono stati danneggiati nove condominii e alcuni edifici dell’ospedale centrale della città. 

Lo speaker della Camera Usa, Mike Johnson, ha annunciato in un post su Twitter che i repubblicani non voteranno il disegno di legge sull’Ucraina così come è stato presentato al Senato.

Gli approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24:

Leggi di più

LIVE

2 minuti fa

La comunità ucraina umbra contro “Il testimone” a Foligno

“In concomitanza con il secondo anniversario dell’inizio della guerra, arriva a Foligno ‘Il testimone’, il film di propaganda russo sul conflitto in Ucraina. È inaccettabile, perché gode anche del patrocinio del Comune”: a denunciarlo con l’ANSA è la comunità che vive a Foligno e in Umbria del Paese invaso dalla Russia.   Il lungometraggio sarà proiettato il prossimo 25 febbraio, alle 16.30, nella sala rossa di Palazzo Trinci. “È incredibile che si consenta alla propaganda di Putin di entrare nei palazzi comunali delle città e con tanto di supporto istituzionale”, aggiungono i cittadini ucraini che promettono già una manifestazione di dissenso nel giorno della proiezione. “Il Comune vogliamo credere che abbia preso un abbaglio – aggiungono – adesso  prenda immediatamente le distanze dall’evento come è già accaduto in altre città, dove la proiezione è stata cancellata, come ad esempio a Firenze e Bologna”.   Il sindaco Stefano Zuccarini, raggiunto sempre dall’ANSA,  conferma il patrocinio.

12 minuti fa

Usa: fonti Cnn: “Minaccia collegata a capacità militari russe destabilizzanti”

Nel rispondere alle domande dei giornalisti, Sullivan non ha voluto fornire specificazioni sulla natura di questa minaccia. “Non sono nella posizioni di dire altro da questo podio in questo momento”, ha detto durante il briefing, ripetendo che intende illustrare la situazione nel briefing di domani. Sullivan ha poi sottolineato che l’amministrazione “nell’affrontare la questione della declassificazione di intelligence nell’interesse nazionale si è spinta oltre, in modo creativo e strategico, di qualsiasi amministrazione della storia americana”. “Così non troverete mancanza di disponibilità a farlo – ha aggiunto riferendosi alla declassificazione di documenti – quando è nell’interesse nazionale farlo”. 

16 minuti fa

Putin firma legge che prevede la confisca dei beni a chi critica la guerra

Il nuovo decreto è stato firmato all’unanimità dalla Duma dello Stato il 31 gennaio. Saranno confiscati beni e proprietà acquisiti illecitamente o utilizzati per “agire contro il Paese”. LEGGI L’ARTICOLO

19:00

Quaresima, il messaggio del Papa: “Non dimentichiamo mai Ucraina, Palestina e Israele”

“Di fronte a tante guerre, non chiudiamo il nostro cuore a chi ha bisogno” ha detto il Pontefice durante l’udienza generale. Al termine della sua catechesi, dedicata all’accidia, l’omaggio al cardinale albanese monsignor Ernest Simoni, “martire” di oggi che ha passato anni in carcere, sotto il regime comunista. LEGGI L’ARTICOLO

18:30

Usa, le truppe di Kiev stanno esaurendo le munizioni

“I costi dell’inazione” sul disegno di legge con gli aiuti per l’Ucraina “stanno diventando più alti”: lo ha detto il consigliere per la Sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan, riferendo che le truppe ucraine “stanno razionando o esaurendo le munizioni” e ammonendo che “i nostri avversari stanno osservando da vicino” la situazione. 

17:53

Kiev, ‘maggior parte marinai nave affondata sono morti’

La maggior parte dei membri dell’equipaggio della nave russa Caesar Kunivov sarebbero morti. Lo riferisce l’intelligence militare ucraina, dopo aver rivendicato oggi l’affondamento della nave a largo della Crimea occupata.  

“Tutto è andato secondo i piani… La nave nemica è stata distrutta e non può essere riparata. C’erano anche munizioni a bordo”, ha dichiarato Andrii Yusov, rappresentante dell’intelligence militare, citato da Ukrainska pravda. “La maggior parte dei membri dell’equipaggio della nave da sbarco non sono riusciti a sopravvivere, ha aggiunto, senza precisare ulteriormente. Secondo dati riportati dal Guardian, a bordo vi sarebbero stati 87 marinai. 

17:44

Ucraina: due ospedali colpiti in 24 ore, Msf evacua feriti in ambulanza

In Ucraina, vicino alla linea del fronte, due ospedali sono stati attaccati dalle forze armate russe nelle ultime 24 ore. Lo denuncia una nota di Medici Senza Frontiere (Msf). Un ospedale di Selydove è stato colpito intorno alla mezzanotte, uccidendo tre persone e ferendone sei. I team di Msf hanno trasferito in ambulanza dieci pazienti in luoghi più sicuri, in tre erano ricoverati in terapia intensiva.

A Kherson, alcuni bombardamenti sull’ospedale della città hanno danneggiato la clinica ambulatoriale e il team chirurgico di Msf ha dovuto rifugiarsi nel bunker.

“Questi ospedali sono vicini alla linea del fronte, dove l’accesso alle cure mediche è essenziale. Condanniamo con forza i continui attacchi agli ospedali. I pazienti, il personale medico e le strutture sanitarie devono essere protetti”, dichiara Christopher Stokes, capomissione di Msf in Ucraina.

17:39

Austin, ‘Usa appoggiano Kiev contro aggressione imperialista Putin’

Gli Stati Uniti “sono a fianco dell’Ucraina” e l’appoggiano contro “l’aggressione imperialista di Putin”. Lo ha detto il ministro della Difesa americano Lloyd Austin intervenendo in video collegamento alla riunione a Bruxelles del Gruppo di Contatto per la difesa dell’Ucraina, la coalizione di 50 paesi che appoggia militarmente Kiev, nota anche come gruppo Ramstein. 

“Il Cremlino ha scommesso sul fatto che avremmo perso interesse per l’Ucraina.. ma io sono più determinato che mai, e so che lo siete anche voi… l’America continuerà a sostenere l’Ucraina contro l’aggressione imperialista di Putin. Il Cremlino sta affondando nell’isolamento che si è inflitto da solo, ma questa coalizione  di 50 paesi di tutto il mondo è qui per rimboccarsi le maniche e mettersi a lavoro”, ha detto il capo del Pentagono. “L’esito della lotta dell’Ucraina contro l’aggressione russa contribuirà a definire la sicurezza mondiale per decenni”, ha avvertito Austin, convinto che il sostegno a Kiev sia “nell’interesse della sicurezza nazionale” dei paesi del gruppo Ramstein. 

Austin è intervenuto con parole decise mentre il pacchetto di aiuti americani per 60 miliardi di dollari destinato all’Ucraina è stato approvato in Senato ma affronta un difficile percorso alla Camera. A spingere i repubblicani ad affossare il pacchetto è l’ex presidente Donald Trump. In corsa per tornare alla Casa Bianca, Trump ha sollevato molte polemiche anche per aver affermato che direbbe a Putin di attaccare quei paesi deal Nato che non investono abbastanza nella difesa. 

16:31

Ucraina, Medio Oriente e difesa priorità del vertice Ue di marzo

Ucraina, Medio Oriente e la nuova strategia europea sulla difesa e la sicurezza saranno i temi principali, salvi ulteriori cambi dell’agenda, del Consiglio europeo previsto per la terza settimana di marzo. E’ quanto emerge a margine della riunione dei Rappresentanti Permanenti dei Paesi Ue che hanno cominciato la preparazione del vertice dei 27. Alla riunione, prevista il 21 e 22 marzo, i leader potrebbero approvare delle nuove conclusioni sulla questione mediorientale. A Bruxelles c’è la consapevolezza che non sarà facile ma, allo stesso tempo, sta emergendo la necessità di un aggiornamento della posizione dell’Ue sulla guerra tra Israele e Hamas. Al Consiglio europeo di marzo ne seguirà un altro, informale e organizzato dalla presidenza belga, nella metà di aprile. E, in quell’occasione, si attende che i principali temi sul tavolo siano il mercato unico e la competitività. 

14:59

Kiev: “Missili russi colpiscono il Donetsk, morte 2 donne”

Missili balistici russi hanno colpito Mykolaivka, nella regione orientale di Donetsk, provocando la morte di due donne, ha riferito il governatore Vadym Filashkin. “La città è stata colpita dal fuoco intorno alle 2 del pomeriggio: nella zona attaccata si trovava un edificio residenziale”. Le due donne rimaste uccise avevano 62 e 74 anni. 

See also  Blood donation, teenagers hold back for fear of the needle-breaking latest news

14:15

Kiev: morti i marinai della nave russa Cesar Kunikov

“La maggior parte dei membri dell’equipaggio della nave da sbarco russa Cesar Kunikov, affondata questa mattina nella regione ucraina di Alupka, è morta”. Lo ha affermato in un commento a Nv Andry Yusov, portavoce del ministero della Difesa ucraino, specificando: “Non ci sono ancora dati precisi, ma secondo le informazioni disponibili, la maggior parte dell’equipaggio è morta”, ha detto. L’equipaggio completo della Kunikov è composto da 87 marinai, ma non si conosce il numero dei militari che erano a bordo. Secondo Yusov, la nave è affondata e non può essere riparata, a bordo c’era un carico di munizioni

13:20

Intelligence Gb: missile Zirkon sfida significativa per contraerea Kiev’

Se confermato, l’uso di un missile ipersonico Zirkon da parte russa rappresenterebbe “una sfida significativa per la contraerea ucraina a causa della sua velocità e manovrabilità”. Lo scrive il bollettino giornaliero dell’intelligence militare britannica, dopo che le analisi dell’Istituto di ricerca scientifica per gli esami forensi di Kiev hanno stabilito che il 7 febbraio Mosca ha lanciato sull’Ucraina un missile Zirkon 3M22.
“Asseritamente capace di viaggiare ad una velocità Mach 9 con una gittata di mille km, lo Zirkon era stato inizialmente sviluppato per la marina. L’assenza di navi che portano missili nel mar Nero solleva domande sul metodo di lancio – nota il bollettino – E’ probabile che il sistema costiero russo di difesa K-300 sia stato adattato a questo scopo. Se il suo uso fosse confermato, rappresenterebbe una significativa sfida alla contraerea ucraina a causa della sua velocità e manovrabilità”.
“E’ probabile -conclude l’intelligence militare- che i russi stiano testando un nuovo di sistema d’arma operativo in un contesto di guerra per far mostra di sicurezza e dimostrare le proprie capacità”.

12:55

Kiev: i russi hanno ammassato 50mila soldati ad Avdiivka

L’esercito russo ha ammassato circa 50.000 soldati nell’area di Avdiivka, nell’est dell’Ucraina: lo ha dichiarato in tv Dmytro Lykhoviy, portavoce delle truppe Tavria, rispondendo in relazione alla minaccia che una presenza russa massiccia porti al taglio delle vie di rifornimento per le truppe di Kiev. Lo riporta Ukrinform. “Se il nemico dovesse interrompere le vie di rifornimento logistico ad Avdiivka, il Comando delle forze di difesa ha previsto linee di rifornimento di riserva”, ha affermato Lykhoviy. “In un momento in cui la situazione sul campo di battaglia diventa difficilissima, la cosa principale è salvare le vite dei soldati e portarli in un’altra posizione, agire in modo flessibile, manovrare per salvare i soldati per i prossimi combattimenti, riconquistare il territorio che potrebbe essere stato perso. Per quanto riguarda Avdiivka, posso dire che gli eventi degli ultimi giorni, in particolare gli attacchi dell’artiglieria e dei razzi russi contro gli insediamenti del distretto di Pokrovsk della regione di Donetsk, a ovest di Avdiivka, dimostrano cosa può diventare ognuno di questi insediamenti e villaggi dopo che la linea del fronte si sposta”, ha spiegato il portavoce. “Al momento, la situazione in prima linea è dinamica e può cambiare letteralmente ogni ora. Le nostre truppe stanno facendo ogni sforzo per mantenere le loro posizioni. Nel caso in cui la linea logistica principale venga tagliata dal nemico, il nostro comando ha previsto delle vie di rifornimento di riserva”, ha dichiarato. Lykhoviy ha aggiunto che i combattimenti a Avdiivka sono in corso, il che sta causando un cambiamento nelle tattiche della difesa.

11:40

Stoltenberg: lavoro alleati per deterrenza nucleare sicura

“Abbiamo una deterrenza nucleare Nato e cio’ ha permesso sicurezza e garanzie agli alleati per decenni. La disposizione che abbiamo nella Nato prevede procedure concordate sul  controllo delle risorse e facciamo esercitazioni insieme. Prevede la presenza delle armi nucleari statunitensi in Europa, ma tutti gli alleati danno sostegno e infrastrutture di sostegno per assicurare che questo deterrente nucleare sia operativo, funzionale, sicuro e credibile”.  Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nella conferenza stampa in vista della riunione ministeriale difesa di oggi e domani. “Questo deterrente nucleare funziona e continuiamo a lavorare perche’ sia sicuro e affidabile.  Abbiamo due alleati con armi nucleari, Regno Unito e Francia, e penso che questo sia il modo con cui gestiamo il deterrente nucleare della Nato e non dovremmo mai fare nulla per minarne la credibilita'”, ha aggiunto. 

11:33

Kiev: “Anche donna incinta morta nell’attacco russo nel Donetsk”

C’è anche una donna incinta, oltre a un bambino, tra le vittime dell’attacco lanciato dalla Russia la notte scorsa sulla città di Selydove, nella regione di Donetsk dell’Ucraina orientale: lo ha reso noto su Telegram il ministro degli Interni ucraino, Igor Klymenko, aggiungendo che il reparto maternità di un ospedale colpito ha subito i danni principali. Lo riporta Ukrinform. Nell’attacco sono rimaste ferite 12 persone, tra cui quattro bambini. “Gli invasori hanno attaccato l’ospedale intorno all’una del mattino. L’attacco principale è stato nel reparto maternità. In totale, c’erano quasi 200 persone nell’ospedale. Decine di pazienti sono in gravi condizioni. Sono stati evacuati in altre strutture mediche della regione”, ha scritto il ministro. Klymenko ha precisato che le squadre di soccorso sono riuscite a salvare un bambino di sei mesi, mentre sei persone – tra cui un bambino – sono rimaste ferite. Dalle macerie sono stati rimossi i corpi di tre persone, tra cui un bambino di 9 anni e la donna incinta. E’ stato colpito anche un condominio di cinque piani, ha aggiunto il ministro, spiegando che l’ingresso del palazzo è stato distrutto: una persona rimasta intrappolata tra le macerie è stata tratta in salvo e sei sono rimaste ferite, tra cui un 17enne, un 13enne e un bambino di 8 anni.

11:25

Cremlino: “Niente di nuovo nelle dichiarazioni di Trump sulla Nato”

Il Cremlino non vede “nessuna novità” nelle dichiarazioni con cui Donald Trump ha ricordato che, quando era presidente, aveva minacciato gli alleati della Nato di incoraggiare un attacco della Russia qualora non avessero contribuito alle spese dell’Alleanza. Lo ha detto il portavoce, Dmitry Peskov. “Francamente – ha affermato Peskov, citato dalagenzia Interfax – ricordiamo che quando era presidente degli Stati Uniti, questo è stato uno dei principali messaggi di Trump usati nelle sue relazioni con i membri dell’Alleanza. Ha parlato costantemente di questo, quindi non ci sono novità nel modo in cui affronta questo problema”. 

11:24

Media: “No degli Usa a proposta di tregua di Putin”. Mosca nega

L’agenzia Reuters scrive sul proprio sito web che, secondo tre fonti russe ben informate, “una proposta del presidente russo Vladimir Putin di un cessate il fuoco” in Ucraina per “congelare la guerra” sarebbe stata “respinta dagli Stati Uniti dopo i contatti tra intermediari”. Il Cremlino nega che le cose stiano così. “Questo non è vero”, ha detto il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, secondo la Tass. Allo stesso tempo, sempre secondo la Reuters, “una fonte americana ha negato che ci siano stati contatti ufficiali e ha detto che Washington non si impegnerà in colloqui che non coinvolgano l’Ucraina”.   La Reuters scrive che, secondo le sue fonti russe, Putin avrebbe “inviato segnali a Washington nel 2023 in pubblico e in privato attraverso intermediari, compresi i partner arabi di Mosca in Medio Oriente e altri, che era pronto a prendere in considerazione un cessate il fuoco in Ucraina”. Sempre secondo le stesse fonti, “Putin proponeva di congelare il conflitto allo stato attuale e non era disposto a cedere alcun territorio ucraino controllato dalla Russia”. 

11:16

Zelensky: “Ogni giorno della nostra lotta è una testimonianza della resistenza e della forza dei nostri guerrieri, che combattono per la vita dell’Ucraina e respingono gli attacchi nemici”

You may also like

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy